19 luglio 2018

Arya - Endesires

Artista: Arya
Album: Endesires
Etichetta: autoprodotto, 2018
Voto: 7/10
Endesires, questo è il titolo del nuovo album della giovane band proveniente da Rimini, Arya. Con alle spalle due pubblicazioni, il debutto In Distant Oceans e il riuscitissimo Dreamwars, si trovano qui a confermare le abilità compositive che li contraddistinsero con il loro precedente lavoro del 2017. Il cambio di formazione (al posto di Virginia Bertozzi, alla voce troviamo Clara Julia Pagliero) e un avvicinamento alle sonorità maggiormente metal, hanno reso Endesires un prodotto un gradino più in basso rispetto al precedente lavoro in studio. Se in Dreamwars ci trovavamo a canticchiare i ritornelli perfettamente eseguiti da Virginia, qui i brani, dal punto di vista sonoro, non hanno quell’incisività e quell’immediatezza del passato, rimanendo così piatti e poco approfonditi. Senza dubbio le tematiche che il quintetto affronta, sono ben raccontate nel corso di queste dieci tracce. Paura, ansia, solitudine, delusione e le incertezze del mondo in cui viviamo sono rappresentate dal sound caotico e da una voce eterea che nella tristezza e nella disperazione sfocia in uno dei brani più emblematici dell’album: “Quit Dreaming Now”. Le influenze in Endesires sono davvero molteplici e diversificate tra loro, si passa facilmente dal prog al black metal, attraversando gli sconfinati campi della musica sperimentale e approdando all’indie di stampo british, senza mai identificarsi completamente in una queste correnti. I ragazzi sono giovani e hanno davvero tempo e risorse da dedicare ai prossimi progetti, migliorando,sperimentando e trovando una corrente che i accolga. Tanto di cappello per aver auto-prodotto tre album e per averli portati in tour non solo in Italia ma anche all’estero. Da tenere sott’occhio.

Noemi Bolis

Article Tags