13 dicembre 2018

Fiera del Disco di Varese - l'intervista di VivaMag

IMG-20181117-WA0001

In occasione dell’ultima Fiera del Disco di Varese abbiamo avuto occasione di scambiare quattro chiacchiere con Dario Maffioli dell’Associazione Azrael: promotori e organizzatori della fiera della Città Giardino da ormai moltissimo tempo…
Con la manifestazione dello scorso sabato 17 e domenica 18 novembre siete arrivati all’edizione numero trentotto. Un bel traguardo per la fiera del disco di Varese non trovi?

Certamente aver raggiunto 38 edizioni è un traguardo ragguardevole e di questo voglio ringraziare anche il mio predecessore. Ormai la Fiera del Disco di Varese è una delle più importanti del Nord Italia, probabilmente la seconda per importanza in Lombardia dopo quella di Milano.

Cosa spinge la vostra associazione (ndr. Azrael) a sobbarcarsi l’onere e l’onore dell’organizzazione di ben due edizioni l’anno?

La nostra associazione ha tra le sue finalità la promozione del collezionismo in vinile per cui è stato naturale, nel momento in cui ci è stato proposto di continuare ad organizzarla, accettare e dedicare tempo ed impegno alla sua crescita sfruttando anche la mia esperienza trentennale di organizzatore di Vinilmania a Milano.

Cosa ne pensi del ritorno di massa del disco in vinile?

Per quanto riguarda il ritorno del vinile la mia opinione è che in realtà non se n’è mai andato perlomeno nell’ambito del collezionismo. Il mercato del vinile nuovo invece è notevolmente cresciuto soprattutto perché le case discografiche hanno iniziato a far uscire ristampe in particolare degli anni ’70 e ’80. Penso invece che il CD sia in grande crisi, perché sta un po’ nella terra di mezzo tra vinile e streaming senza avere i pregi di nessuno dei due: la “collezionabilità” del disco in vinile come oggetto oltre che come supporto fonografico e la facile fruibilità dello streaming.

Qual’è il pubblico della fiera di Varese?

Il pubblico della fiera di Varese è composito e comprende collezionisti di lunga data ma anche moltissimi neofiti e curiosi. A livello di collezionismo riguarda soprattutto gli over quaranta anche se fortunatamente un discreto numero di giovani sta iniziando a collezionare.

Cosa manca secondo te alle nuove generazioni di ascoltatori?

Il problema dei giovani è a mio parere la mancanza di cultura del passato, nel senso di conoscenza dei periodi musicali e dei gruppi che ne sono stai protagonisti.

Organizzate anche altre fiere oltre questa di Varese?

La nostra attività riguarda anche altre fiere del disco. La prossima sarà Malpensa Vinile che si svolgerà il prossimo 16 dicembre a Cardano al Campo presso il Novotel Malpensa Aeroporto. E’ una fiera arrivata alla settima edizione, più piccola di quella di Varese ma fortunatamente molto seguita dal pubblico.

Vincenzo Morreale

Article Tags