23 novembre 2017

Kaufman - Belmondo

Artista: Kaufman

Album: Belmondo

Etichetta: INRI

Voto: 6/10

Nuovo lavoro per i Kaufman, band capitanata da Lorenzo Lombardi, che si muove sulle coordinate dell’indie italico più contemporaneo. Per capirci quello di band come Canova e The Giornalisti.

Bella l’idea di omaggiare il movimento cinematografico della Nouvelle Vague di Godard e Truffaut con la scelta del titolo del disco che si chiama appunto Belmondo.

L’album, uscito per la torinese INRI, è stato prodotto da Alessandro Raina e Luca Serpenti al Godz Studio di Milano dove è stato anche mixato e masterizzato.

In questo contenitore fatto di 11 brani trovano posto le sonorità anni’80 elettro pop, il cantato in italiano fra il parlato e il sussurrato, la canzone d’autore, il pianoforte che ricama fra le parole e quegli inserti elettronici dal sapore dejavu diventati ormai essenziali per il genere.

Si parla di solitudine, di vite vissute e di delusioni. Di amore e di affitti troppo cari, di rituali post-adolescenziali sognando tanto, tantissimo o forse sognando eccessivamente. Non manca nemmeno la canzone col titolo-omaggio ad una persona simbolo dell’immaginario collettivo come Robert Smith.

Tutto è ben incastrato e confezionato senza troppe sbavature, senza noia e senza sconfinare eccessivamente nel citazionismo.

Quello che (forse) manca ancora è l’hit “ad effetto estate” sebbene il disco scorra via veloce e senza troppe complicazioni, segno del raggiungimento di una evidente maturità di scrittura e gusto negli arrangiamenti.

Staremo a vedere.

Vincenzo Morreale

Article Tags