17 dicembre 2017

Mountains of the Sun - Astro Blues

astro blues

Artista: Mountains of the Sun
Album: Astro Blues
Etichetta: Autoproduzione
Voto: 7.5/10

Astro Blues: ecco il titolo del nuovo album dei Mountains of the Sun, band emergente varesina attiva dal 2016 e composta da Sebastiano Rizzato alla voce, chitarra e armonica, Federico Dal Zotto al basso e Francesco Marcarello alla batteria.
L’album è un’autoproduzione dal sapore folk – blues i cui suoni psichedelici rimandano inequivocabilmente ai favolosi anni’70. Troviamo riferimenti a band immortali come i Beatles del periodo post viaggio in India e i Pink Floyd degli inizi fino al monumentale The Dark Side of the Moon.
Ogni traccia è un differente viaggio onirico: i suoni sono volutamente lontani, opacizzati dall’uso di riverberi e delay; arrivano all’udito accarezzandolo e risvegliando i sensi pian piano, come nel crescendo di Wake Up Yesterday.
Down on The Ocean richiama invece le atmosfere di Bob Dylan con quell’armonica a bocca che evoca un senso di vita vissuta e di calma rassicurante.
La title track Astro Blues (della durata di ben otto minuti) incarna perfettamente lo spirito antico ma intramontabile della psichedelia “pinkfloydiana”.
A chiusura del disco The Golden Sea, brano totalmente strumentale: si apre con un arpeggio di chitarra dal sapore romantico e un poco malinconico, per poi proseguire con un suono scintillante ed esaurirsi dolcemente confondendosi col rumore del mare.
Un disco che complessivamente mi ha toccato nel profondo la cui unica pecca è a mio avviso la pronuncia inglese con inflessione italiana che risulta poco fluida ed in contrasto con la parte strumentale. Nonostante questo l’album contiene convincenti richiami agli anni’70 e ripropone quel passato che non può che conferirgli un scintillio in più.
Consigliato ai nostalgici e romantici di qualsiasi età o a coloro che ricercano un sogno senza doversi per forza addormentare.

Valentina Irene Galmarini

Article Tags