25 Marzo 2019

Adam Green - Aladdin

Artista: Adam Green

Album: Aladdin

Etichetta: Rough Trade

Voto: 8/10

Non capita tutti i giorni di recensire un disco che in realtà è la “descrizione musicale” di un film.
Sì perché non si tratta di una vera e propria colonna sonora, piuttosto di una parte integrante e fondamentale dell’opera stessa (e che opera aggiungerei!).
Il film “Aladdin” di Adam Green è uscito lo scorso aprile, co-finanziato su una piattaforma di crowdfunding e distribuito esclusivamente on-line in modalità on-demand.
Si tratta di un vero e proprio delirio in stile Green: “come se Syd Barrett si trovasse imprigionato in un sogno a 8 bit credendo di essere Lou Reed sotto effetto di chissà quale sostanza”.
I 19 episodi che compongono il disco (in realtà 22, diversamente da quanto riportato sulla cover del cd) raccontano questa lisergica e surreale versione della favola di Aladdin in brani lunghi circa 3 minuti.
Fischiettano, sussurrano, vagheggiano. Sono filastrocche, sono litanie da programma tv, sono meravigliosi momenti di psichedelia retrò, sono semplici belle canzoni.
Nulla è dato al caso però: non aspettatevi un lavoro guidato dall’istinto, dagli umori o dalla semplice improvvisazione lo-fi. Il disco vive davvero in simbiosi con il film, ne descrive la sua evoluzione ed è perfettamente coerente con le suggestioni che Adam Green vuole trasmetterci.
Se ti sono piaciuti i Flaming Lips nella loro reinterpretazione di “Dark Side of the Moon” dei Pink Floyd non puoi perderti “Aladdin” di Adam Green.

Vincenzo Morreale

Article Tags