26 Maggio 2019

Aria di marzo, aria leggera, di primavera di Gabriella Passarotti




T’incammini ch’è ancora notte, ma una mattina, improvvisamente, cogli qualcosa di diverso. Il buio è sempre buio, fa freddo come nei mesi passati, una leggera foschia nasconde gli alberi scheletrici, ma ecco nel silenzio un canto!
Chissà dove si nasconde quell’uccellino che questa mattina di marzo si è alzato presto solo per rallegrare il tuo cuore, per ricordarti che la vita si sta levando dal letargo invernale e che ben presto il sole ti avvolgerà di calore.
Nel suo cinguettio senti il profumo dei fiori, la luce che prontamente rischiarerà il tuo cammino, il sapore dolce dei frutti maturi e il tepore delle notti piene di stelle.
Rinascita, in questo marzo appena arrivato.
Ci saranno ancora giornate fredde, ventose, pioggia e anche neve, ma nei campi migliaia di timidi fiori riempiranno l’aria di profumo e il cuore di gioia.
Che potere, in questo marzo appena arrivato!
Improvvisamente dentro ti dilaga la voglia di vivere, di correre, di ridere, la speranza ti riempie la mente, un calore ancora lontano ti riempie il cappotto.
La nebbia si trasforma in un velo di pizzo che nasconde alberi carichi di frutti nascosti fra le foglie verdi.
Il buio s’infrange laggiù, all’orizzonte, dove i primi raggi di sole colorano il cielo di rosa.
Il freddo si stempera in un anticipo di tepidezza che, come uno scialle, t’infagotta  piacevolmente le spalle.
Allora perché adesso questa improvvisa malinconia che ti scende dentro, ti fa socchiudere gli occhi e sospirare?
Tutto intorno parla di resurrezione e tu ti senti triste? Perché?
Forse il canto di quell’uccellino ti riporta ad una infanzia ormai lontana, quando le illusioni e i sogni non conoscevano inverno, quando la neve era un gioco e la nebbia un incantesimo in cui perdersi.
Tanti mesi di marzo hai visto, tante primavere che pesano sulle tue spalle, ma è solo un attimo: non si può resistere alla promessa che vibra in quel canto, quella magia che risveglia la terra dal suo letargo e ogni anno ti spinge avanti con il cuore pieno di fiducia e la mente piena di speranza.

Per partecipare alle selezioni per le prossime pubblicazioni basta inviare un testo (breve racconto o poesia), accompagnato da un commento e una breve biografia all’indirizzo e-mail: vivamagraccontiepoesie@gmail.com

Article Tags