Chi ha fatto il turno di notte – Izet Sarajlić

Fosse almeno quel terribile,

per l’umiliazione a nulla paragonabile

anno 1993

quando non avevamo nient’altro

che l’un l’altro.

 

Magari fosse ancora quel terribile,

quel tante volte maledetto anno 1993!

 

Avrei ancora cinque anni pieni

da poterti guardare

e da tenerti per mano!

 

È il 1998 quando Izet Sarajlić (1930-2002), poeta jugoslavo fondatore del Gruppo 54, perde l’adorata moglie Ida. Equiparabile all’amore per la moglie solo quello per la sua città, Sarajevo, dove decide di rimanere anche durante la guerra e l’assedio: Perché questa è la città dove forse non sono stato troppo felice, / ma dove anche la pioggia quando cade non è solo pioggia.

 

Né la guerra né la morte riescono a far perdere al poeta la voglia di dedicare i suoi versi all’amore e alla vita, anche se con un certo velo di malinconia:

 

[…] Tempi duri, duri per l’amore. / E fino a quando, così, fino a quando? / E tu mi fai le frittelle di pasta, / mi prepari gli spumini al miele, / e ti affacci al davanzale, / fumi le tue sigarette, / mia dolce provinciale, / come una bambina / credi nel Werther, nei dolci, / in questa tristezza che ci opprime entrambi, / e io piango, piango, piango, / perché sono tempi duri per l’amore, sempre più duri.

 

Troppo poco ho goduto delle piogge di primavera e dei tramonti / Troppo poco ho assaporato la bellezza delle vecchie canzoni e le passeggiate sotto il chiaro di luna / Troppo poco mi sono inebriato del vino dell’amicizia / benché al mondo ci fosse sì e no un paese dove non avessi almeno un paio di amici. / Troppo poco tempo ho riservato per l’amore / a disposizione del quale stava tutto il mio tempo. / Un’altra volta saprei godere incomparabilmente più nella vita. / Un’altra volta saprei.

 

D’altronde è il poeta che ha fatto il turno di notte per impedire l’arresto del cuore del mondo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.