Elegie del quattro giugno – di Liu Xiaobo

AUTORE: Liu Xiaobo

OPERA: Elegie del quattro giugno

EDITORE: Lantana

ANNO: 2015

PAGINE: 118

EURO: 16.50

Charta 08 redatto in occasione del 60º anniversario della proclamazione della Dichiarazione universale dei diritti dell’uomo (10 dicembre 1948 – 10 dicembre 2008), è un grande appello alla libertà di espressione, al rispetto dei diritti umani e alle elezioni libere. Il documento sostiene infatti la necessità di introdurre riforme democratiche nel sistema politico e il rispetto dei diritti umani, e la libertà di pensiero. Sottoscritto originariamente da circa 300 personalità, Charta 08 ha ormai raccolto quasi diecimila adesioni da parte di cittadini di varia estrazione sociale ed origine etnica.
Liu Xiaobo è però soprattutto scrittore e poeta, e così ogni anno, all’anniversario della strage di Piazza Tian’an men compone una poesia sui giorni in cui, dopo la visita in Cina di Michail Gorbaciov, i giovani cinesi avevano provato a rivendicare un futuro diverso da quello previsto nel Libretto Rosso di Mao, subendone una carneficina. Tutte queste liriche vengono così raccolte e viene pubblicata Elegie del Quattro giugno, splendidamente introdotta dalle parole del Dalai Lama.
Questa raccolta diventa, attraverso il linguaggio poetico di Liu, un intenso poema epico i cui protagonisti da vittime sconosciute diventano eroi della storia universale, simboli della lotta per i diritti dell’uomo. Ogni poesia è marcata da data e luogo della composizione, che spesso coincide proprio con i frequenti momenti di prigionia dell’autore, è infatti la Memoria e la necessità di ricordare il filo conduttore che caratterizza le parole di Liu, quella dovuta memoria resa agli studenti e cittadini che tutt’ora dal governo cinese non sono altro che vittime dell’ “incidente del 4 giugno”. Le sue parole sono sottili ma taglienti, fanno male e spronano allo stesso tempo, pungoli che stimolano chi è lontano dalla realtà opprimente dei regimi e armi affilate per chi ancora oggi per conservare il proprio potere non può fare altro che continuare a privare uomini e donne innocenti della propria libertà.

Elegie del quattro giugno è ora come mai adatto e contemporaneo anche per la storia Europea, è una straordinaria raccolta frutto dell’appassionato e indiscutibile bisogno umano di rivendicare la propria libertà. Liu Xiaobo è tutt’ora detenuto dal governo cinese in un luogo segreto.

Liu Xiaobo è un critico letterario, scrittore e docente cinese, l’8 dicembre 2008 è stato arrestato a causa della sua adesione al movimento Charta 08, con l’accusa di “incitamento alla sovversione del potere dello stato“, nel 2010 gli è stato assegnato il premio Nobel per la Pace “per la sua lunga battaglia non violenta in favore dei diritti umani fondamentali in cina”.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.