26 Marzo 2019

(Hed) p.e. - Legend Club 24 febbraio 2019 - Live Report




Con un impianto completamente nuovo e potenziato, il Legend Club di Milano, accoglie una delle realtà musicali, new metal/alternative, più accreditate da vent’anni a questa parte: gli (Hed) Planet Earth. La band californiana capitanata da Jared Gomes, si allontana raramente dalla coerenza compositiva, caratteristica di grande impatto che, purtroppo però, nel corso degli anni non ha garantito un collante sufficientemente solido per tenere insieme i membri originali. Altre band avrebbero trovato un punto fermo, una “morte” artisitca certa e senza possibilità di tornare in auge. Ma siamo qui, al cospetto del muro sonoro, schiaffeggiati senza possibilità di replica. Alcuni brani storici, come Killing time (open track della serata), trovano una connotazione del tutto nuova, inusuale, indossando a volte una veste anacronisitca, che tutto sommato non guasta l’architettura di una icon song come questa. Il locale è pieno, carico di energia, pronto ad elogiare la perfetta esecuzione della scaletta, che varia e che concede pochi attimi di calma. Blackout, Bartender e Waiting to die, rapiscono il pubblico, trasportandolo indietro nel tempo, catapultandolo attraverso le frequenze, in un pogo disordinato. L’unico neo, la nota fuori posto in tutto questo vigoroso impeto? La durata del concerto: un’ora soltanto. A mio avviso, con una discografia di tale portata, mi sarei aspettato un corpus di brani più consistente, piuttosto che una manciata di briciole pescate quasi a caso per accontentare chi, come me, appartiene alla old school generation. Peccato. Eppure, ciononostante, ammiro (e rispetto) la resistenza, la longevità di un gruppo come gli (Hed) p.e., che con un passato impietoso alle spalle ha saputo trasformare gli abissi in “possibilità”, concedendosi una seconda chance senza cancellare la propria dignità musicale.

Article Tags