Human Progression Machine – KOSMOS

Artista: Human Progression Machine

Album: KOSMOS

Etichetta: Beta produzioni

Anno: 2016

Voto: 8/10

A febbraio viene alla luce Kosmos, risultato dell’unione di violino elettrico, loop machine e elementi elettronici come synth e e-drums: un piccolo gioiello di musica strumentale che risulta originale più che mai. I suoni all’interno dell’album ricordano gli elementi naturali, la tensione creata dal connubio dei vari strumenti ricrea un movimento incessante, che può rallentare, ma mai fermarsi. Le percussioni elettroniche sono fondamentali, reggono e guidano il ritmo su cui si libera la voce del violino, a tratti malinconica e dolce a volte solenne ed eterea, che si innalza e diventa padrona della scena, si snoda all’interno degli altri elementi, avvolge e dà equilibrio al tutto. L’album appare come un insieme di generi, si passa da elementi di musica classica a un rock leggero, dall’elettronica spinta (soprattutto a partire dalla terza traccia) a sfumature jazz, fino ad alcuni tratti pop. È un disco completo, sintesi di elementi naturali e musicali. L’atmosfera è surreale, è serenità ma anche inquietudine, tutto è un continuo rincorrersi, suoni multiformi che giocano tra loro e che si trasformano in continuazione senza lasciare il tempo di pensare, ma semplicemente coinvolgendo e assorbendo l’esterno. Ascoltarlo è stato come vivere un viaggio, non c’è stata sosta, è stato un moto costante, è stato il mondo che va avanti inarrestabile, è stata la musica che è riuscita a coglierne il percorso. Bello bello bello.

Sara Ferraro

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.