I miei migliori complimenti – Le femmine e i maschi

Artista: I miei migliori complimenti
Titolo: Le femmine e i maschi
Etichetta: Digital 2000
Voto: 6,5/10

Terzo capitolo della trilogia di Ep iniziata nel 2015, “Le femmine e i maschi” esce sempre per Digital 2000, l’etichetta e collettivo artistico fondata da Walter Ferrari dopo la sua fuoriuscita da Costello’s. Se da una parte i brani dei tre Ep appartengono più o meno allo stesso periodo temporale, dall’altra è vero che c’è stato un cambiamento di un certo tipo.

Se agli esordi si poteva ancora parlare di “musica fatta col MacBook” e si citava il primo disco de I Cani come riferimento principale, oggi è innegabile che Walter Ferrari abbia fatto fare a I miei migliori complimenti un salto qualitativo notevole, ampliando lo spettro sonoro in sede di arrangiamenti, affiancando gli strumenti tradizionali alle basi elettroniche che sono un po’ il suo marchio di fabbrica ed andando quindi a lambire in qualche modo sia il mondo dell’ItPop che quello della canzone d’autore.

Il risultato è interessante: rimane il grande talento per le melodie, il saper creare frasi accattivanti che rimangono immediatamente in testa, un ritmo saltellante e coinvolgente, con testi legati all’autobiografismo, tra disavventure sentimentali, recriminazioni sull’esistenza e i soliti riferimenti al qui e ora che costituiscono ormai una delle caratteristiche fondamentali della nuova canzone italiana (in Da paura, per esempio, si citano sia il Club To Club sia il Primavera Sound). Dei cinque episodi spicca sicuramente il singolo e opener Proverbio giapponese, impreziosito dalla partecipazione di Paletti, che ci mette del suo con una produzione accattivante; e poi Raggio Laser, che si piange un po’ addosso ma che ha forse le linee vocali più azzeccate dell’intero lavoro. Finendo con Maschi contro femmine, divertente e autoironica quanto basta.

Specchio dei tempi, ultra contemporaneo e probabilmente anche un po’ manierista, Walter Ferrari sa però fare il suo mestiere e i consensi in progressivo aumento sono lì a dimostrarlo. Tempi maturi per il disco d’esordio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.