Il Parco Naturale Regionale Campo dei Fiori

[It ]È ottobre: ormai l’autunno è iniziato, ma non è ancora ora di dire addio alle attività all’aperto, visto che le passeggiate nella natura sono ancora più consigliabili senza l’arsura
estiva e con i magici colori di cui questa stagione è caratterizzata!
Tra le varie opzioni proposte da questa ridente provincia ovviamente non si può dimenticare il Parco naturale regionale campo dei fiori: un’area verde che si estende per circa 6300 ettari a nord del capoluogo.
Istituito nel 1984 e ampliato successivamente, questo parco naturale offre una vegetazione molto varia e un’altrettanto abbondante quantità di monumenti architettonici rilevanti; se a livello artistico non si può ignorare la presenza del complesso religioso al Sacro Monte, del locale Grand Hotel e delle varie ville in stile liberty, è, però, la bellezza naturale del luogo a renderlo così importante e visitato.
A cominciare dai due massicci presenti Parco naturale regionale campo dei fiori nell’area: il Martica-Chiusarella e il Campo dei Fiori, che, situato nella parte occidentale, con le sue 130 grotte ad opera dell’erosione idrica, si affaccia direttamente sul Lago di Varese; ci sono, inoltre, sei riserve naturali. La diversificazione tra lago, collina e altura permette la presenza di una grande varietà naturalistica in questo parco: oltre al faggio
caratteristico della zona, ci sono alberi di castagno, frassino, tiglio e acero, ma anche
rapaci nidificanti e migratori, pipistrelli, cervi, caprioli e molto altro. Per visitare al meglio
l’area, sono disponibili venti percorsi standard, adeguatamente segnalati; ma al Parco Naturale Regionale Campo dei Fiori non si deve solo passeggiare: molte attività extra sono allestite a disposizione dei visitatori, come la “Wild land” in cui è possibile allenarsi con un ponte tibetano, scale d’arrampicata e funi orizzontali.
Insomma, è un’esperienza naturalistica a tutto tondo a cui non si può proprio rinunciare!

[Eng] It’s October: Fall already began, but it’s not arrived yet the time to say goodbye to outdoors activities, since the walks into the nature are now even more advisable without the summer heat and with the magic colours this season is characterized by! Among the several options proposed by this delightful province, it’s obviously impossible to forget the
regional Wildlife Park campo dei fiori: a green area which extends across 6300 hectares northwards from the county seat. Established in 1984 and expanded later, this wildlife park offers very diversified greenery likewise a big amount of notable monuments; if artistically the presence of the religious complex Sacro Monte, of the local Grand Hotel and of the
several art-deco villas can’t be ignored, it is actually the natural beautyof the place to make it so much important and seen. Starting from the two massifs in the area: Martica Chiusarella and Campo dei Fiori, that, located in the western part, with its 130 grottos made by water erosion, overlooks directly the lake of Varese; furthermore, there are even
six reserves.The diversification among lake, hill and high ground allows the presence of a great naturalistic variety in this park: in addiction to the beech, typical of the area, there are chestnut trees, ashes, lindens and maples, but also nesting and migratory birds of prey, bats, deers, roe deers and much more.To visit the area at best, there are twenty standard paths, signalled adequately; however, at the Regional Wildlife Park Campo dei Fiori you
can not only have a walk: many activities are set up on visitors’ hand, like the “Wild land” where it is possible to train with a simple suspension bridge, rock climbing and horizontal ropes.Therefore, it’s a well-rounded naturalistic experience to which it’s impossible to just give up!

Beatrice Moja

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.