26 Marzo 2019

Jeff Tweedy - WARM

Artista: Jeff Tweedy
Titolo: WARM
Etichetta: dBpm Records
Voto: 9/10

Per chi scrive approcciarsi alla figura di Jeff Tweedy significa confrontarsi con una delle figure cardine della propria formazione musicale. L’ombra di Jeff, lunga 28 anni, si staglia sull’Alt-Country come una delle più influenti e seminali del movimento nonostante una natura schiva e riservata. Prima leader degli Uncle Tupelo, poi deus ex machina dei mitologici Wilco, il cantante di Chicago decide finalmente di raccontare il lato oscuro di Tweedy. E lo fa con il candore: esattamente come un vecchio amico si confida al bancone di un bar. “WARM”, uscito in contemporanea con l’autobiografia dell’autore, nelle sue undici tracce si delinea come un ritratto sincero e mai posticcio di un artista che fa i conti con una vita al giro di boa. Un cammino composto di successi, fallimenti, dipendenze e ansie. Tweedy questa volta non si nasconde dietro ad una band fenomenale e si smarca dalle sperimentazioni delle sue ultime incarnazioni. L’approccio è essenziale e diretto, volto a non celare nulla, nemmeno gli omaggi agli eroi di Jeff. La “Beatlesiana” Bombs above, è infatti il miglior letto su cui possa adagiarsi la sua voce, a metà fra Lennon e Mr. E dei The EELS, mentre la parte centrale dell’opera è pervasa dai fantasmi della dinastia Williams. L’eco dei Wilco invece fa capolino con il contro-tempo di Far Away e con le dissonanze al limite del noise di The Red Brick (due dei migliori episodi dell’album). La titletrack e How I will I Find You? con il loro mesto incedere sono la conclusione congeniale per un’opera che consacra Tweedy come uno degli autori più sensibili e incisivi dei nostri tempi.“WARM” nel suo calore emotivo è tutt’altro che un disco semplice, da ascoltare testi alla mano per immergersi definitivamente nell’ideale colonna sonora di tante rughe e sguardi ad ovest.

Simone Vitillo

Article Tags