Lo Stato Sociale – L’Italia Peggiore


Artista: Lo Stato Sociale

Album: L’Italia Peggiore

Etichetta: Garrincha Dischi

Anno: 2014

Voto: 7.5

Il nonsense musicale, passa per Lo Stato Sociale, ma è un nonsense sfizioso. La macedonia di suoni elettronici ed acustici che si mi mischiano in questa seconda opera assieme agli impeti e alle parole, funzionano. Hanno ragione di esistere. Lo Stato Sociale comunica e lo fa magnificamente. Magari in maniera completamente sgraziata. Con un accordo di pianoforte classico accompagnato da una gran cassa in quattro quarti, degna di un rave party. Sono dei tamarri-non tamarri. Di quelli che non si prendono troppo sul serio ma la cui musica è unica e piena di sostanza: alla fine di ogni pezzo ci si trova a sorridere, canticchiare ma soprattutto riflettere.

Fa strano, perché dire che è tutto scomposto è dire poco. Sono presenti canzoni pervase da un mood reggae e ska (“La musica non è una cosa seria”, “Forse più tardi un mango adesso”), seguite da sferzate di electro-rock eclettico (“Io, te e Carlo Marx”, “Senza macchine che vadano a fuoco”, “Piccoli incendiari non crescono”) che si avvinghiano a dei testi perfetti per delle commedia teatrali (“Te per canzone scritto ho”, “Il sulografo e la princicpessa ballerina”). C’è tutto. E’ un denso frullato di sentimenti, provenienti dal sottosuolo e vicinissimi alla realtà. Probabilmente è per questo che risultano così empatici.

Anche se è pieno di canzoni nuove e belle, diversamente dal precedente album, manca quella che fa la differenza (come ha saputo farla “Mi Sono Rotto il Cazzo”) ma nel complesso “L’Italia Peggiore” rimane ugualmente un’opera intrigante. A riprova la pregiatissima“Linea 30”, una docu-canzone biografica sull’attentato del due agosto, in stazione centrale a Bologna.

Lo Stato Sociale vince la sfida critica del secondo album e si riconfema come la migliore soluzione per affrontare il nostro disagio contemporaneo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.